Giardini Botanici in Italia

Orti Botanici in Italia

Oltre una ventina sono gli orti botanici italiani, chi più conosciuto chi meno.

Tra i più antichi si cita quello di Padova, nato nel 1545 per volere di Francesco Bonafede per permettere ai suoi allievi un facile riconoscimento delle piante: qui arrivò dall'Inghilterra la patata che in Italia venne coltivata in qualità di pianta ornamentale per la prima volta nel nostro paese.

Quello di Padova è il più antico giardino botanico universitario in tutto il mondo.

Il giardino botanico di Pisa è nato quasi in simultanea con il precedente grazie al sostegno di Cosimo I de' Medici: un tempo collocato presso il Convento di San Vito, fu poi trasferito nelle vicinanze del convento di Santa Maria e in seguito, in maniera definitiva, nei dintorni di Piazza dei Miracoli.

A Portata di Mouse

Ampia importanza hanno assunto altri giardini botanici come quello di Palermo, dotato di grande bellezza (e ciò può essere detto solo per alcuni orti botanici di Italia e d'Europa); viene ricordato per aver introdotto nella regione di appartenenza il nespolo giapponese e il mandarino originario della Cina.

Seguono per importanza quello di Salerno (il Giardino della Minerva), collocato nel centro storico della città; in seguito al restauro attuato poco tempo fa, è possibile riscoprire elementi risalenti al diciassettesimo e diciottesimo secolo e venire alla scoperta di piante davvero rare utilizzate in epoca medioevale per medicare.

Ricordiamo anche l'Orto Botanico di Napoli, Cagliari, Messina, Parma, Roma, Trieste, Torino e Livorno.


. Navigare Facile